Top

Colazione Giapponese

Ormai lo sanno tutti, ed ogni volta che esce fuori il discorso “Vita sana ed equilibrata”  è uno dei punti citati per la maggiore: fare colazione è importante!

Personalmente, come coppia, sedersi la mattina di fronte al nostro tavolino con un buon pasto tra le mani, è diventata una routine che dichiara ufficialmente l’inizio della giornata e difficilmente la saltiamo.

Dall’altro lato, quando ognuno di noi viveva la propria vita lontano da quelle che sono diventate le nostre attuali abitudini, la situazione era ben diversa.

Per me, in Italia, la colazione era un momento di transizione nella corsa tra casa e lavoro, in cui mi accontentavo di un espresso insieme a qualche biscotto sgranocchiato alla guida. Niente di più sbagliato lo so.

Per Yo qui in Giappone, fin da piccolo, la routine della colazione è sempre stato un momento importante. Seduto (mai in piedi) non può non iniziare la giornata senza una ciotola di riso bianco fumante, qualche nimono (煮物), verdure bollite o grigliate e l’immancabile miso soup (qualche volta anche carne o pesce spesso avanzati dal giorno prima). A detta di Yo, tutto ciò equivale alla migliore fonte di energia capace di darti le forze necessarie per iniziare la giornata, e come dargli torto!

Da quando abbiamo iniziato a convivere, le nostre abitudini mattutine si sono fuse in un’abbondante colazione, che prevede piatti Giapponesi accompagnati da bevande italiane (caffè della moca ovviamente!).

La nostra colazione

Ogni sera, prima di andare a dormire, laviamo il riso, lo inseriamo nel nostro adorato rice cooker e posizioniamo il timer per l’ora in cui ci sveglieremo la mattina successiva, così che sia pronto al nostro risveglio. Appena alzati, prepariamo la miso soup, tagliamo qualche verdura, prepariamo il nostro natto (fagioli di soia fermentati), mettiamo sù il caffè et voilà!

Abituarsi a mangiare verdure e fagioli di soia fermentati appena svegli, è stata un’abitudine con cui ormai ho imparato a conviverci, ma non è stato facile facile!

Poco tempo fà ho letto un bellissimo articolo su “Independent” che illustrava i diversi tipi di “Breakfast in the World”.

E’ incredibile osservare come, mentre per noi Europei, il primo pasto della giornata è spesso un pezzo di pane con marmellata o brioche e cappuccino, nel resto del mondo, soprattutto nei paesi asiatici, è un momento in cui la tavola viene ricoperta di tante piccole portate, quasi come fosse una cena!

Flickr-Evelyn-Hill.jpg

Colazione Italiana – (Ph: Independent)

Flickr-Lisa-Risager.jpg

Colazione Coreana – (Ph: Independent)

Tra le varie nazioni, il Giappone era raffigurato con un’immagine esemplare:

Flickr-Bryan.jpg

Colazione Giapponese – (Ph: Independent)

Riso, tofu, pesce grigliato, uova, natto, verdure… se mai vi capiterà (o vi è già capitato) di dormire in un hotel tradizionale o in un Ryokan, questa sarà la colazione che vi verrà servita. (Per gli amanti dello zucchero la mattina, dovrete fare un piccolo sforzo, ma non vi preoccupate, sicuramente ci sarà un conbini nelle vicinanze in cui andare a far tappa per concludere con un buon dolce!).

Ma è davvero così anche nel quotidiano?

Provando a confrontarmi con alcune ragazze e donne giapponesi, alcune single, altre mamme di famiglia, gli ingredienti più citati presenti nelle loro colazioni sono stati:

Natto

img_17e7cfb656ddf5e3673fbf1655541e3f967924.jpg

Decisamente lontano da quelli che sono i nostri gusti, si tratta di fagioli di soia fermentati, serviti (non sempre) con salsa di soia e una punta di mostarda. Viene comunemente mangiato con una ciotola di riso bianco ed è un alimento dalle incredibili proprietà digestive e nutrienti!

Unico avvertimento: preparatevi al suo odore concentrato e alla sua consistenza appiccicosa e limacciosa.

Tofu

Questa delizia proveninete dal Giappone non ha bisogno di tante spiegazioni (ma se volete saperne di più vi consiglio questo articolo: I sapori del Giappone: Tofu).

Viene mangiato come “side dishes” semplicemente con un pò di Katsuobushi cosparso sulla superficie e qualche goccia di salsa di soia. Niente di più semplice e buono!

Nimono

Nimono indica il tipo di cottura di verdure che vengono bollite e conservate in brodo Dashi arricchite con zucchero, sake, mirin e salsa di soia.

Vengono servite in piccole ciotole come accompagnamento di portare più importanti e danno quel sapore agrodolce in più alla vostra colazione!

Tamago Kake Gohan

20140416-tamago-kake-gohan-recipe-14-1500x1125.jpg

Tamago Kake Gohan

Non si tratta di un ingredienti ma una vera e propria portata! Si tratta di riso bianco servito con al centro un uovo crudo e qualche goccia di salsa di soia, katusobushi e pezzettini di alga nori (questi ultimi condimenti sono a scelta – ad esempio a noi piace mangiarlo insieme al natto). Veloce da preparare e, per gli amanti dell’uovo crudo, davvero delizioso (attenzione però, non tutte le uova sono adatta al consumo crudo!)

Pan

Pan con Fagioli Azuki!

Soprattutto con le generazioni più giovani, gli ingredienti della colazione tradizionale stanno cambiando. Al loro posto troviamo  prodotti più occidentali che cercano comunque di mantenere i sapori del Giappone.

Il Pan ad esempio, un soffice pane dolce o salato arricchito con diversi ingredienti: curry, soba, carne, crema pasticciera.

Se vi interessa l’argomento vi consiglio questa lettura: La Nostra Top 5 dei “Pan” Giapponesi!

Se volete quindi iniziare la giornata con il piede giusto, consigliamo al 100% la colazione giapponese! Certo, i gusti e le consistenze che la caratterizzano vanno presi con calma, ed abituarsi richiede forse un pò di tempo, ma per i viaggiatori coraggiosi, questo tipo di colazione sarà sicuramente un buon punto di partenza!

Ele&Yo