Umeshu: Il Liquore alla Prugna Giapponese

Umeshu ・梅酒 è il liquore Giapponese per eccellenza. Dal colore dorato, la consistenza sciroppata e il dolce sapore, è uno dei drink estivi più apprezzato. Da anni viene preparato in casa dalle famiglie giapponesi nelle prime settimane di giugno ed è considerato parte integrante della tradizione gastronomica del paese.

L’inizio dell’estate è ormai all’orizzonte ma, qui in Giappone, prima di poterci sciogliere sotto il caldo sole di agosto (cosa non del tutto desiderata dalla sottoscritta), bisognerà riuscire a sopravvivere alla lunga e difficile stagione delle piogge.

Ebbene sì, da inizio giugno fino alla fine del mese, tutto il paese ogni anno, è coperto da fitte nuvole che portano con se lunghi temporali.

Mentre per gli stranieri come me, non ancora abituati al 100% al clima Giapponese, non resterà altro che munirsi di santa pazienza ed aspettare il loro termine, per il popolo giapponese sono viste come parte del ciclo naturale della vita.

Se in città infatti sono vissute come un grande disagio (traffico, trasporti rallentati, strade affollate da ombrelli) in campagna sono un momento dell’anno tanto atteso, a cui si dà molta importanza.

Il loro inizio coincide infatti con la semina del riso, alimento simbolo del paese, che si preparerà così a crescere durante tutta l’estate per poi essere raccolto in autunno. Nei primi mesi di giugno non vi sarà difficile trovare Matsuri (festività) celebrate per valorizzare questo cereale, come ad esempio la “Festa Otaue” ad Osaka, dove viene riprodotto tutto l’antico cerimoniale di semina,  accompagnato da danze spettacolari e canti rituali.

Rice Field
Rice Field around our house

Anche per gli amanti della natura, in particolare dei fiori, la stagione delle piogge è tanto attesa. Solo in questo periodo dell’anno è possibile vedere sbocciare l’ 紫陽花 (Ajisai), una bellissima varietà di iris che popola i parchi e i giardini delle case con i loro colori blu e viola.

AjiSai - 紫陽花
AjiSai – 紫陽花

Ma non solo. In Giapponese la stagione delle piogge prende il nome di 梅雨・Tsuyu, che letteralmente significa:

梅 = Prugne

雨=Pioggia

Non vi preoccupate, non vedrete cadere dal cielo prugne, ma in compenso, in questi giorni potrete osservare la raccolta di uno dei frutti più popolari del paese: la Prugna.

La Prugna Giapponese

Arrivata dalla Cina più di 400 anni fà, la prugna giapponese, chiamata うめ・Ume, è tutt’oggi uno dei frutti più apprezzati ed utilizzati nella gastronomia del paese. Utilizzata inizialmente come medicinale contro il mal di gola, è diventata con il tempo un ingrediente simbolo del Giappone. Toglietevi dalla testa le nostre dolci e succose prugne. La prugna Ume è infatti di colore verde, di piccole dimensioni è caratterizzata da un sapore acido e aspro che la rende apprezzabile solo dopo aver subito delle “lavorazioni”.

Una tra queste permette la realizzazione dell’ 梅酒・Umeshu , il liquore di Prugna Giapponese.

La sua preparazione è parte della tradizione popolare giapponese è viene svolta i primi mesi di giugno da mamme nonne desiderose di realizzare, come ogni anno, un dolce drink da sorseggiare a fine estate (è infatti definita la bevanda delle donne).

Si tratta infatti di un liquore che deriva dalla conservazione sotto spirito delle prugne (interne, con ancora il loro seme) insieme allo zucchero.

A seconda della parte alcolica e zuccherina, si possono ottenere sapori diversi e  preparalo a casa è davvero semplice. Ciò di cui avrete bisogno è tanta pazienza. Come ogni liquore che si rispetti, anche in questo caso è necessario un periodo di invecchiamento. La tradizione vuole 1  anno, ma se cercare tra vari ricettari, per chi proprio non riesce ad attendere, 3 mesi potranno bastare.

Vale la regola, più il liquore invecchia, più ricco sarà il suo sapore.

Scelta degli Ingredienti

Alcohol la vostra scelta sarà determinante sul sapore finale del vostro Umeshu. In Giappone è di uso comune usare il Shochu (liquore derivante da patate o riso), ma è possibile far cadere la propria scelta anche su Sake, Awamory, Brandy, Vodka ecc…

Zucchero Anche lo zuccherò svolgerà un ruolo determinante. In Giappone è usanza utilizzare il “Rock Sugar” (spessi cristalli di zucchero), ma è possibile sostituirli con zucchero bianco, di canna o miele. Vale la regola, 1 Unità di prugne, 1/2 Unità di zucchero!

Ingredients
Ingredients

Ingredienti

  • 1 kg di prugne
  • 800 ml di alcohol con un grado alcolico pari o superiore a 35 %
  • 500 gr di zucchero
  • 1 contenitore con una capienza di 3 – 4 litri in cui andrete a conservare il vostro Umeshu

Procedimento

Risciacquate accuratamente il barattolo con sapone e acqua calda e asciugate con un panno pulito.  Versate nuovamente al suo interno dell’acqua bollente e agitate. Asciugare nuovamente.

PLUM
Plum

Lavate le vostre prugne Ume e strofinatale una ad una sotto l’acqua corrente. Asciugatele e poco per volta e, con l’aiuto di uno stuzzicadenti, eliminate il picciolo della prugna.

Cleaning Umeshu

Una volta pronte, controllate che siano ben pulite e poco per volta inseritele nel barattolo, alternando una 5 – 6 prugne ad una manciata di zucchero.

Versate infine il liquore, chiudete il coperchio e conservate in un luogo fresco, lontano da fonti di luce.

Una volta pronto, non ci resta che aspettare!

P.S: sulla mia pagina Instagram ho deciso di tenere aggiornato lo sviluppo dell’Umeshu! -> EveryDayObento

Umeshu
Umeshu

CURIOSITA’

  • La produzione di Umeshu tra le mura domestiche venne iniziata quando nel 1962, il governo realizzò una forte tassa sui liquori. Non potendo più permettersi di comprarli nei negozi, le famiglie iniziarono a produrli a casa.
  • Attualmente gli esportatori di alcolici affermano che l’Umeshu stia assumendo sempre più popolarità all’estero diventando una tra i prodotti maggiormente esportati.
  • Tutti noi abbiamo sempre sentito parlare dei fiori di ciliegio ma, avete mai visto i fiori di Ume? Durano più a lungo e sono meravigliosi!
  • Sapevate che la Nestlè, per celebrare questo liquore, ha realizzato dei KitKat al sapore di Umeshu? Sono una limited edition ma chissà che in questi giorni non la troverete in qualche scaffale del supermercato!

Itadakimasu! イただきます

Ele&Yo

 

Potrebbe anche interessarvi

Manjū: ecco come prepararli a casa!

Okonomiyaki: Street Food da Osaka nelle nostre cucine!

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *